Pasqua 2019 – 25 aprile festa della liberazione – 1° maggio festa dei lavoratori

Auguri di Pasqua 2019Quest’anno le feste di Pasqua, del 25 Aprile e del 1° Maggio sono  molto vicine l’una a l’altra con possibilità di fare una vacanza in mezzo alla natura.
L’ Ostello  Il  Gruccione  –  Locanda  del  Tempo Ritrovato sito nel cuore del  Parco Naturale Regionale dello Stirone ha preparato dei menù specifici per queste feste.

Proposta per il pranzo di Pasqua

Cliccare sull’immagine per ingrandireMenù pasqua25 APRILE  –  FESTA DELLA LIBERAZIONE

In tempo di fascismo anche le ricette non furono risparmiate dall’autarchia linguistica che voleva ogni termine rigorosamente italiano. Il soufflè divenne il soffiato e il toast il pantosto e il salmì sparì in un banale infuso di vino. Ecco poi apparire nei menù di gala (anzi, lista delle vivande o, più militarmente, rancio) piatti come Antipasto Vittoria, Cannelloni alla Combattenti e Spinaci alla Imperiale. E, a lungo andare si sfociò ancor più nella tragicommedia: il consommè si ridusse in consumato, l’omelette in frittata avvolta, roumpsteack ed entrecote si trasposero nella più virile braciola. E, ancora, gonfiato anziché soufflè, legumi minuti anziché julienne. La brioche s’afflosciò in brioscia, da non confondersi con il croissant che divenne cornetto. Persino nelle buvette (pardon, mescite) le polibibite sostituirono, specie nella accezione futurista, i cocktail. Anche le cene di rappresentanza non era più impreziosite dai troppo effimeri cotillons quanto, invece, dai più arditi cotiglioni. Insomma, i linguisti del Ventennio si fecero prendere la mano e, col tempo, non venne risparmiato nemmeno l’alleato germanico, che si videro battezzare come bombole i krapfen, mentre i wafer divennero semplicemente biscotti e i wurstel quali semplici salsicce.

Durò fino alla Liberazione e al giorno in cui venne cucinato il piatto che ancora oggi la simboleggia:

la pastasciutta antifascista della famiglia Cervi.

Il ricordo di quella lotta in questo piatto simbolo è in realtà molto lontano dal “rancio” dei giovani resistenti, ma è il piatto che festeggia la liberazione dal regime nazifascista e la rinascita democratica dell’Italia.

Cliccare sull’immagine per ingrandireMenù 25 aprile

1° MAGGIO  – FESTA DEI LAVORATORI 

Cliccare sull’immagine per ingrandireMenù 1° maggio

Menù primaverile di domenica 7 aprile 2019.

Domenica 7 aprile, menù primavera, su prenotazione. al 3297451258, ad euro 25. Il menù può essere preparato, sempre su prenotazione, anche in variante vegana (sostituendo il secondo di carne e il dessert di formaggio).

Bruschette alle erbe selvatiche (tarassaco, farinaccio, portulaca). Orecchiette in crema di ortiche e fave di cacao.
Salamella al ristretto di Gutturnio.
Insalatina di radicchio fiorita.
Formaggio di capra stagionato o parmigiano e composta di fiori di sambuco.
Panna cotta e sapa della casa.
Buon vino dei colli piacentini, acqua, caffè.

Grazie alla rivista Cucina Naturale per la ricetta del primo piatto e per la foto. .

Orecchiette ortiche

Menù di Pasqua 2019. Anche per vegani.

Viole in primavera

ANTIPASTI

Tris di bruschette di pane del nostro forno (salsa di erbe selvatiche primaverili, gras-pist , crema di parmigiano reggiano bio)

Tartare di Culatello di Zibello

Insalatina primavera con uova di quaglia

OPPURE

Tris di bruschette di pane del nostro forno (salsa di erbe selvatiche primaverili, hummus di cannellini, trito mediterraneo)

Tartare di verdure fresche di stagione

Insalatina primavera semi e fiori

PRIMO PIATTO

Lasagnetta di primavera

SECONDO PIATTO

Rosetta di Parma con patate al forno (vitello ripieno prosciutto crudo e parmigiano)

OPPURE

Panzerotti di pane al forno ripieni di verdure in salsa di carciofi

DESSERT

Ciambelle alla ricotta bio ricoperte di cioccolata

OPPURE

Tortino di grano saraceno alle pere ricoperto di cioccolata

Caffè e Digestivo della casa (Nocino – Bargnolino)

Costo (bevande escluse): 40 per menù carne, 35 per menù vegano.

Info: cell. 3297451258

Secondo corso di Muratura a secco, 22, 23, 24 marzo 2019.

QUANDO IL SUDORE SI FA ARTE

Nel mese di ottobre 2018 avevamo presentato il 1° corso di muretto a secco, che ha riscontrato un notevole interesse.

Nel frattempo l’UNESCO ha riconosciuto i muretti a secco come Patrimonio dell’Umanità.

Dal 22 al 24 marzo 2019

L’Ostello Il Gruccione

propone, a coloro che sono interessati  o a chi si vuole avvicinare a questo tipo di esperienza, un altro incontro di costruzione dei muretti a secco.

I volantini sottostanti riportano tutte le informazioni per partecipare al 2° Corso di Muretti a secco.

Cliccare sulle immagini per ingrandireVolantinoVolantino retro

Menù invernale con polenta

Bruscitt

               Da venerdì 1 marzo a domenica 3 marzo, menù invernale                      …ci sono le prime fioriture, ma le piante ci indicano che, di notte, gela ancora…
Antipasto con pane tostato della casa e le erbe di Marilena (tarassaco selvatico in olio) e assaggio di coppa, 
Cacciainnanze al rosmarino dell’ostello
Stufatino di cinghiale e Polenta 
oppure per vegetariani
Polenta cuncia, ai formaggi, profumata all’aglio,                           alla maniera del Lago di Como
Crema al mascarpone
Ottimo vino dei colli piacentini ( Cantina Torri Le Lame), acqua, caffè, Nocino o Bargnolino della casa
euro 21
Prenotazioni al 3297451258.

SECONDO CORSO DI MURATURA A SECCO OSPITATO AL GRUCCIONE

Gipi dei Malvisi

Il maestro artigiano Gipi dei Malvisi, terrà il corso mensile della Scuola Annuale di muratura a secco, a Vernasca (PC), in località Comini, venerdì 22, sabato 23 , domenica 24 marzo 2019.

In caso di perturbazione, come è già successo, anche per motivi di sicurezza dei partecipanti,  il corso verrà posticipato.

I muretti a secco sono diventati, a novembre 2018, patrimonio dell’Umanità dell’U.N.E.S.C.O.

I partecipanti al corso potranno usufruire di cene e colazioni e alloggiare in stanza singola, doppia o condivisa  presso Ostello Il Gruccione  Prenotazioni al 329 7451 258

Il corso ripartirà da zero.
Sotto la guida del maestro artigiano Gipi dei Malvisi, i convenuti cominceranno a preparare le fondamenta con sassi grossolani e, vieppiù, a salire, murando e battendo le pietre più riottose all'incastro. Sul fronte del muro, verranno create delle colombaie, alcune finestrelle e una panca in pietra, mentre in cima verranno posti dei merli guelfi (uniti a mattoni e calce).                                                      
Si raccomanda di portare leccornie da condividere nei pranzi condivisi sul cantiere di lavoro ed un classico metro pieghevole per la ricerca del pezzo giusto.

 Prenotazione obbligatoria per chi usufruisce dell’ospitalità (pernottamenti e pasti) del Gruccione: euro 15 (fondo per i concerti del sabato sera). 

SABATO 23 marzo, presso Ostello Il Gruccione, FESTA, CON MUSICA POPOLARE                                                                                                              all’organetto diatonico: Petra Cavaliere                                                                           al violino: Amanda Werger  
maestro di danze: Gipi dei Malvisi
                                                                    

MENU’ INVERNALE: giro polenta con polenta e verdure, polenta e formaggio, polenta e carne, polentine zuccherate, dolci al mais….
Euro 20, compresi dolci e bevande, (più euro 2 per fondo concerti), totale euro 22, per chi partecipa solo alla cena con concerto e danze                                      euro 10 per bambini e ragazzi sino ai dodici anni
Sconti per famiglie a partire da quattro componenti (esempio: due genitori e due bambini, euro 54, anziché euro 64).
 Gratis, durante il giorno, ospitalità per familiari ( bimbi, anziani…) nella Sala delle Convivenze (giochi e libri) di Ostello Il Gruccione.

Sabato 23 febbraio Giro Pizza e aperitivo con le Ricette naturali di Marilena

Stasera, sabato 23 febbraio, presso Ostello il Gruccione, sotto Vigoleno (PC), uno dei Borghi più belli d’Italia, Bandiera Arancione del T.C.I., menù giro pizza ad euro 15 (pizze, cacciainnanze del Gruccione, bibita o birra, assaggio di dolce) per gli adulti ed euro 10 per i bambini sino a 10 anni. 
In più, gratis, come aperitivo, assaggi delle RICETTE DI MARILENA, un’azienda naturale di Bacedasco Alto che lavora erbe spontanee e selvatiche, molta attenta alla Biodiversità. Verranno presentate le conserve naturali di “sprelle”, radicchio selvatico, tarassaco, portulaca, farinaccio, amaranto che entreranno nel nuovo menù del Gruccione che stiamo preparando per voi.
Per i camper, come al solito, Park & Dinner (luce, acqua ad euro 5, oppure i servizi gratis in cambio di un servizio bar o cena a pagamento).

download