Il progetto e la storia

“Osare la speranza”  è il motto della brigata partigiana di cui fece parte Don Andrea Gallo, uno dei nostri maestri, e che scriveremo presto sui muri dell’ingresso dell’ostello.                                                                                                                                                                                                                     Il testo che segue descrive il nostro concetto di ospitalità ed è, invece, già appeso all’ingresso dell’ostello, da molti giorni prima della sua inaugurazione nella nuova gestione:

“Alla tua destra, il posto lasciato vuoto per l’arrivo dello straniero è sempre libero. Pazienta. Chi muove verso di te troverà libera la via. Non importano le difficoltà ch’egli troverà nel cammino. A un certo momento giungerà, poiché egli sa d’essere atteso sinceramente. Davvero ospitale è, fino in fondo, l’attesa.”  Edmond Jabès

Nel cuore del Parco Regionale Fluviale del Torrente Stirone, al confine tra le province di Parma e Piacenza, nelle terre dei Castelli del Ducato e della Via Francigena, l’Ostello Il Gruccione – Locanda del Tempo Ritrovato rinasce, dal 31 maggio 2014, con la nuova gestione per promuovere un’ospitalità conviviale, offrire una cucina di territorio, povera, vegetariana e di pesce e diffondere cultura.

Il Gruccione è un ostello internazionale multiservizi che offre, orgogliosamente, ospitalità rurale.

Ostello il Gruccione – Locanda del Tempo Ritrovato è accessibile e specializzato nell’accoglienza di associazioni per l’inclusione sociale.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Intergenerazionalità a Ostello il Gruccione

                                                                                                                                                       La struttura è  dotata di una biblioteca e di una ludoteca per grandi e per piccoli e attrezzata per ospitare bambini, disabili, anziani.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA A Ostello Il Gruccione piace l’infinitamente piccolo e il suo sguardo

La nostra proposta è di accogliere le persone in un ambiente caldo (ma molto fresco d’estate!) che suggerisca l’idea del rifugio di montagna (anche se, qui, siamo sulle colline del piacentino) e che sia luogo d’incontro per genti di tutte le provenienze, crocevia per chi è in ricerca, culla per chi è solo, porto aperto per chi è o si sente diverso.

Cucciolata cani e gattiLa convivialità  e la  coesistenza  pacifica nella diversità sono tra  i fini e i valori fondanti di Ostello Gruccione.     

L’ambiente è volutamente rustico e inserito in un paesaggio naturale che sta cercando, anche con l’eliminazione dell’uso di prodotti sintesi, di tornare selvatico (nel lastricato davanti all’ingresso principale, stiamo facendo crescere le specie autoctone: malva, radicchio selvatico, menta e molte erbe utili e decorative).                                                                   

In località San Genesio di Vernasca, ove l’ostello è ubicato (appena sotto Vigoleno), sono pressoché assenti l’inquinamento acustico e luminoso.

Le potenzialità del luogo inducono a pensare a un progetto di turismo che dia valore alla lentezza, all’ascolto, al silenzio dai quali possono nascere relazione, condivisione, pace.         OLYMPUS DIGITAL CAMERALa lentezza nei pressi di Ostello il Gruccione

Per molti giorni, per molte miglia con molte spese, per molti paesi               sono andato a vedere i monti, sono andato a vedere il mare.                           Ma a due passi da casa, quando ho aperto gli occhi                                              non ho visto una goccia di rugiada                                                                               sopra una spiga di grano. ”                                                                                                 R. Tagore

La struttura promuove, in modo continuativo, programmi socio-culturali, artistici e di educazione ambientale, alla salute e alla nonviolenza.

La storia di Ostello il Gruccione è stata raccolta, il 15 maggio 2017, da Gianpiero Kesten di Radio Popolare, che, nel corso di una breve intervista telefonica, ha dato la possibilità ad Elio, gestore di Ostello il Gruccione e disabile motorio, di raccontare il passato, senso e il futuro del progetto.

Se vuoi conoscere la storia di Ostello il Gruccione, vai su :                           http://www.radiopopolare.it/podcast/pionieri-di-lun-1505/                            e su :                                                                                                                                             http://www.radiopopolare.it/podcast/pionieri-di-lun-1505-seconda-parte/

Se vuoi capire, il sentimento che proviamo a lavorare qui, vai a:                                                                                                             https://www.youtube.com/watch?v=mDTph7mer3I&feature=share                                                                                                                                                         troverai una canzone di Leonard Cohen che ispira il nostro lavoro, soprattutto con il verso:                                                                                                                                                                                                                                                            “There is a crack in everything/That’s how the light gets in”                       C’è una crepa in ogni cosa/E’ così che entra la luce                                          in Anthem di Leonard Cohen

C’è chi ascoltando la canzone, ha fatto questo foto, da una finestra aperta di Ostello Il Gruccione.

Cosa vedo dalla mia finestra... Foto Valentina Fontanive                                                                                                                                                                                                                                                         Alcuni dicono che qui non c’è nulla.                                                                              Ci piace proprio quel nulla.

Claudia Melica e installazione di Dino Molinari

Per un’idea di tempo ritrovato.

Crediti: Foto di Mascia Minghetti scattata il 4 Settembre 2017. Scultura in legno con poema e libri (2014) di Dino Molinari presso la “Sala delle convivenze” Ostello Il Gruccione Vigoleno (PIACENZA)

Uno spunto di riflessione ci è  stato dato (gennaio 2019) da Lorenzo Orsenigo (fondatore dell’Associazione San Giuseppe, patrono degli imprenditori) e si coniuga bene con il nostro motto (“Osare la speranza”):

L’espérance est un risque à courir”  
(Georges Bernanos)

 1 maggio 2020                                                                                                                   Appunti per un tempo nuovo                                                                                      (testo in fase di revisione, torna qui per rileggerlo e fallo crescere con noi)
 
Scoprire l’erba a partire dall’erba.
Scoprire il fiume a partire dal fiume.
Scoprire il bosco a partire dal bosco.
E così per la terra, gli uccelli, gli insetti e i caprioli, le volpi, gli scoiattoli…
Erba a partire dall'erba
Una buona prassi; guardare l’erba dall’erba. 
Scoprire la lentezza, a partire dalla lentezza.
Scoprire il silenzio, a partire dal silenzio.
Scoprire la bellezza, a partire dalla bellezza.
E così per lo sguardo, l’ascolto, l’attesa…
 
Questo abbiamo cercato qui in questi anni e vorremmo fosse per voi Ostello il Gruccione.
 
Un ritiro da cui partire o ri-partire dall’essenziale, anche dal silenzio, dal povero (inteso come ciò che basta e fa bene), dal profondo.
Un isolamento, come quello che alcuni privilegiati, che non sono stati colpiti direttamente da lutti, hanno potuto sperimentare, in cui non sentirsi soli, ma più in contatto con se stessi e, a partire da questo, con l’Altro.
Una parola scambiata, lentamente, nell’ascolto, che si faccia pane paziente, come quello ben lavorato che dura sette giorni ed è ancora più buono e prenda sostanza dall’incontro con l’ umano, atteso, sentito e desiderato, sempre, come ad una nascita cercata ed come dopo una lunga assenza che non è stata invano.
Una ricerca della Bellezza nell’infinitamente piccolo ed invisibile agli occhi.
Un balcone, una scala, un provvisorio approdo per fare pace, o almeno provare a fare un armistizio , anche dentro di noi, con la diversità a partire dalla sua base naturale, la biodiversità e con la paura dell’estraneo che ci rifiutiamo di riconoscere ma, in realtà, ci abita e non vediamo in noi.
Un ponte, un porto, una culla che possa accogliere, chi è assetato, stanco, solo perché ha avuto la strada in salita e ha conosciuto, forse troppo presto, l’incompletezza e l’imprevedibilità della vita, perché se si vede solo ciò che è intero e non straziato non si vede che la scorza e non si impara.
Un appassionato sguardo anche sull’orrore dell’uomo quando è bestia per l’uomo, sullo squilibrio economico, sociale, culturale e l’ingiustizia che ne deriva, sullo sradicamento dalla natura, dalle terre d’origine, da una comunità viva di legami, qualsiasi essa sia, e dall’io profondo, che sono in parte causa della disparità di distribuzione di risorse, sul consumo esasperato, senza rispetto e senza protezione,della terra, perché non può esserci felicità, se non è collettiva e di tutte le creature viventi e non viventi (anche dei morti sì, perché anche loro potranno essere una risorsa dentro di noi e anche delle materie e dei pianeti che ci appaiono inerti e lontani, ma che ci danno vita).
Un posto libero e paziente per l’arrivo di chi è a piedi, in tutti i sensi, in cui chiunque possa sentire quanto aspiriamo a ritenere ospitale l’attesa e che abbiamo intravista la possibilità di un cammino che si apre camminando.
Un luogo che si fa riconoscere come scrigno di sogni, desideri, potenzialità da scoprire ed aprire insieme.
Un tempo non sospeso, ma pieno, perché il tempo che abbiamo da vivere possa diventare il tempo che scegliamo di vivere, un tempo ritrovato, di rinascita, di scoperte, come quelle di un bimbo che scopre l’acqua a partire dall’acqua e l’erba a partire dall’erba…
Acqua a parrtire dall'acqua
Un’altra buona prassi: scoprire l’acqua, nell’acqua del fiume Stirone
(Grazie a Antoine de Saint-Exupéry, Elio Vittorini,  Arturo Paoli, Italo Calvino, Aldo Capitini, Adriano Olivetti, Simone Weil, Julia Kristeva, Edmond Jabes, Christian Bobin e tanta gente incontrata per strada per gli insegnamenti e la via)