Il progetto e la storia

“Osare la speranza”  è il motto della brigata partigiana di cui fece parte Don Andrea Gallo, uno dei nostri maestri, e che scriveremo presto sui muri dell’ingresso dell’ostello.                                                                                                                                                                                                                     Il testo che segue è, invece, già appeso all’ingresso dell’Ostello, da molti giorni prima della sua inaugurazione nella nuova gestione:

“Alla tua destra, il posto lasciato vuoto per l’arrivo dello straniero è sempre libero. Pazienta. Chi muove verso di te troverà libera la via. Non importano le difficoltà ch’egli troverà nel cammino. A un certo momento giungerà, poiché egli sa d’essere atteso sinceramente. Davvero ospitale è, fino in fondo, l’attesa.”  Edmond Jabès

Nel cuore del Parco Regionale Fluviale del Torrente Stirone, al confine tra le province di Parma e Piacenza, nelle terre dei Castelli del Ducato e della Via Francigena, l’Ostello Il Gruccione – Locanda del Tempo Ritrovato rinasce, dal 31 maggio 2014, con la nuova gestione per promuovere un’ospitalità conviviale, offrire una cucina di territorio, povera, vegetariana e di pesce e diffondere cultura.

Ostello il Gruccione – Locanda del Tempo Ritrovato è accessibile e specializzato nell’accoglienza di associazioni per l’inclusione sociale.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Intergenerazionalità a Ostello il Gruccione

                                                                                                                                                       La struttura è  dotata di una biblioteca e di una ludoteca per grandi e per piccoli e attrezzata per ospitare bambini, disabili, anziani.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
A Ostello Il Gruccione piace l’infinitamente piccolo e il suo sguardo

In località San Genesio di Vernasca, ove l’ostello è ubicato (appena sotto Vigoleno), sono pressoché assenti l’inquinamento acustico e luminoso. Le potenzialità del luogo inducono a pensare a un progetto di turismo che dia valore alla lentezza, all’ascolto, al silenzio dai quali possono nascere relazione, condivisione, pace.         OLYMPUS DIGITAL CAMERA       La lentezza nei pressi di Ostello il Gruccione

Per molti giorni, per molte miglia con molte spese, per molti paesi               sono andato a vedere i monti, sono andato a vedere il mare.                           Ma a due passi da casa, quando ho aperto gli occhi                                              non ho visto una goccia di rugiada                                                                               sopra una spiga di grano. ”                                                                                                 R. Tagore

La struttura promuove, in modo continuativo, programmi socio-culturali, artistici e di educazione ambientale, alla salute e alla nonviolenza.

La storia di Ostello il Gruccione è stata raccolta, il 15 maggio 2017, da Gianpiero Kesten di Radio Popolare, che, nel corso di una breve intervista telefonica, ha dato la possibilità ad Elio, gestore di Ostello il Gruccione e disabile motorio, di raccontare il passato, senso e il futuro del progetto.

Se vuoi conoscere la storia di Ostello il Gruccione, vai su :                           http://www.radiopopolare.it/podcast/pionieri-di-lun-1505/                    e su :                                                                                                                                             http://www.radiopopolare.it/podcast/pionieri-di-lun-1505-seconda-parte/

Se vuoi capire, il sentimento che proviamo a lavorare qui, vai a:                                                                                                             https://www.youtube.com/watch?v=mDTph7mer3I&feature=share                                                                                                                                                         troverai una canzone di Leonard Cohen che ispira il nostro lavoro, soprattutto con il verso:                                                                                                                                                                                                                                                            “There is a crack in everything/That’s how the light gets in”                       C’è una crepa in ogni cosa/E’ così che entra la luce                                          in Anthem di Leonard Cohen

C’è chi ascoltando la canzone, ha fatto questo foto, da una finestra aperta di Ostello Il Gruccione.

Cosa vedo dalla mia finestra... Foto Valentina Fontanive                                                                                                                                                                                                                                                         Alcuni dicono che qui non c’è nulla.                                                                              Ci piace proprio quel nulla.

Claudia Melica e installazione di Dino Molinari

Per un’idea di tempo ritrovato.

Crediti: Foto di Mascia Minghetti scattata il 4 Settembre 2017. Scultura in legno con poema e libri (2014) di Dino Molinari presso la “Sala delle convivenze” Ostello Il Gruccione Vigoleno (PIACENZA)